.

 

44/45° Convention Congresso Wjjf/Wjjko 1976. Lago d’Iseo (Brescia Italia).

 

Cari Amici/Shihan/Shidoin/Sensei

Sembra, e non è detto che qualche passo avanti sia in atto nel rispetto del “Corona Virus” che da più di un anno tiene bloccati dojo/club/palestre.

Tutti noi abbiamo sofferto sia dal lato morale – vari i colleghi marzialisti che ci hanno lasciato, - che da quello economico, tecnico e sociale.

Con lo sforzo di tutti abbiamo “tenuto banco”, come si dice, per mantenere almeno le basi raggiunte. E sappiamo che non è stato facile! Tra tanta tristezza, è emersa la positiva decisione della EUIPO (Ufficio dell'Unione europea per la proprietà intellettuale) e con essa la conferma che il logo federale è nostro!Punto a capo!” Va dato un plauso allo sforzo fatto da Shihan Smaraglai Tamas, coadiuvato da Miss Nora Maracskò che si sono trovati immersi nel Covid proprio nel momento del Congresso che era previsto a Budapest (3/6 aprile 2020). Per questo sottolineiamo che questa iniziativa per il 2021 è “44/45” in relazione al solito di un anno più o meno come i Giochi olimpici di Tokio (2020).

Questa era ieri!

Domani, settembre (24-26) dovremmo poter gioire, tutti assieme, in una Convention/Congresso che può essere la “nuova via” della nostra storica “Wjjf/Wjjko 1976” i giapponesi dicono: “shin den shin” – da cuore a cuore -

Cosa desideriamo fare?

Sotto il patrocinio dell’EurEthICS ETSIA - partner ufficiale della Commissione europea - che già dal 2019 ha certificato la nostra federazione e l’Accademia GBS (Gendai Budo Sport) la scelta della data 24-26 settembre rientra nella “Settimana Europea dello Sport #BEACTIVE (23-30 settembre 2021).

Abbiamo pensato ad un programma “preliminare”, allegato, con relativi costi. Prima di procedere alle varie riservazioni “finali”, vi chiediamo un Vostro consiglio; una Vostra informale adesione per valutare al meglio il nostro messaggio.

Grati per una vostra valutazione oggettiva: State in salute!

Il comitato promotore

GSB – Lia e Luciano Rocca – Giancarlo Koliotassis

poster

Programma italiano

English Program

Programme de Francaise

 

 

Anno sportivo 2020/21 affiliazioni

 

Cari Amici/Shihan/Shidoin/Sensei, dovremmo chiamare questo nuovo anno da passare assieme: “anno primo del Covid” visto che siamo stati, in modo diverso, bloccati per mesi nel momento determinate della nostra attività amatoriale-sportiva

Tanti e troppi i pensieri che sono emersi con la pandemia per il “Covid 19”: un nemico subdolo, invisibile e terribile. Nonostante tutto siamo in piedi e presenti a dare vita all’attività Wjj Italia

Dal lato della pratica e per la sanificazione, seguite/fate seguire le direttive emanate dalla FIJLKAM (allegate) quale Federazione riconosciuta dalle Autorità governative italiane (Coni, Sport e Salute, Dipartimento dello sport (Pcm).

 

Tempi anche di “pandemia economica” che non permettono voli pindarici e pertanto manteniamo le nostre proposte economiche di pertinenza sui valori  in essere dal 2018

 

Dojo                      € 75,00      D.T.                        € 75,00

Atleti:

- cinture colorate       € 25,00 - bambini                € 15,00    - cinture nere               € 40,00

- c.n.  con grado istruttore (3°, 2° e 1° liv)            € 50,00

 

 

Il rapporto Fijlkam settore ju jitsu, per chi fosse interessato si realizzerà, presubilmente entro l’anno o, al più tardi, i primi del 2021.

 

Etsia

Riconoscimento Parlamento Europeo

Così Etsia: EurEthICS ETSIA, funzionale alla carriera educativo-sportiva e di promozione sportiva e ludico motori, allo sport di base amatoriale inclusivo, allo sport per tutti e per ognuno e allo sviluppo  della carriera accademica e universitaria, facilitando l’accesso ai programmi europei, in particolare Erasmus plus in armonia tra valorizzazione delle competenze culturali e qualifiche accademiche nello sport.

Quindi non è un diploma ma il diploma EU

 

 

 

Appeal against World Ju Jitsu (UK) Limited – Decision of Board of Appeal

Questo l’estratto Euipo (European Union Intellectual Property Office) sul logo registrato in Europa nel 2014 al numero  013044896:

“Sono lieto di poter informare tutti voi che abbiamo vinto il ricorso tramite la Quinta Commissione di ricorso del 13 ottobre 2020 contro la decisione di cancellare il nostro marchio UE.

Ciò significa che la decisione originale è stata annullata e il nostro marchio dell'Unione europea 013044896, a nome Natascia Argia Bertoletti, rimane valido e non verrà cancellato dal registro

 

 

 

Vi auguriamo il massimo del bene e con lo spirito della squadra buon lavoro e successo

 

 

Moduli affiliazione

modulo iscrizione società

modulo iscrizioni atleti

 

 

 

43° congresso / crociera nel Mar Mediterraneo

 Sulla cresta dell’onda

 Una iniziativa fuori dal comune che ha permesso ai rappresentanti di 10 Paesi di stare assieme, lavorare con la vera forza della modestia: “kenjo no bitoku”

 

 I giorni 27- 30 aprile 2019 in crociera nel Mar Mediterraneo su una splendida nave Msc “Sinfonia” ha avuto luogo il 43° congresso internazionale Wjjf-Wjjko. La crociera partita da Genova, prevedeva soste verso lidi lontani: Marsiglia e Barcellona, per circa 348 miglia nautiche di distanza dal porto di partenza.

Sabato 27 aprile 2019, dopo una miriade di controlli, veniva completato l’imbarco nel porto di Genova con il primo “briefing” da parte dello staff di bordo Msc e quello Wjjf-Wjjko, splendidamente coordinato dal trio shike Giacomo Spartaco Bertoletti, Natascia Bertoletti e il sottoscritto, shihan Lorenzo Milano; allo staff Wjjf-Wjjko, si aggiungevano in supporto l’affascinante responsabile dell’agenzia Anna Di Maria e il famoso e sempre presente conduttore/presentatore Paky Arcella.

Dopo aver preso possesso delle numerose cabine, destinate ai team mondiali Wjjf-Wjjko e avendo anche eseguito tutte le operazioni di sicurezza di bordo, mentre la nave prendeva il largo, i passeggeri familiarizzavano anche con la immensa struttura e si preparavano per la prima cena ufficiale del 43°congresso Wjjf-Wjjko.

Presenti con i propri team e delegati 10 nazioni delle 54 mondiali iscritte alla federazione: Italia con gli shihan Roberto de Ronzi, Giancarlo Koliotassis, Gianfranco Camerini, Lorenzo Milano e in rappresentanza di Icmaf-Iwsf Sijo Gilberto Pauciullo; Irlanda con kaicho David Toney, shihan Peter James Cooke e shihan Jayne Sylvia Cooke responsabile mondiale per il dipartimento donna Wjjf-Wjjko; Inghilterra con shihan Andrew Travis; Russia con shihan Alexander Briuzgin; Ungheria con shihan Tamás Smaraglai e sir George Popper prime minister knights of Malta State; Romania con shihan Petrica Tanase; Australia con shihan Thomas John Bellamy; Olanda con shihan Dirk Klok; Finlandia con shihan Pekka Torri e Arto Bunda e Norvegia.

Domenica 28 aprile 2019 la giornata si apriva alle ore 7,30, verso la piacevole rada di Marsiglia, con un energetico risveglio muscolare sul mare con il “pi kuan shu” tenuto da shike Giacomo Spartaco Bertoletti. Pi kuan shu: la via della mente, è un’antichissima disciplina, un mondo ancora poco conosciuto, una via difficile e affascinante che ha come scopo l’equilibrio interiore.

 

Il coordinamento delle “attività libere” era a cura di kaicho/chairman David Toney, che diligentemente dirigeva gli shihan in tutte le successive ore di lezione, sul campo polifunzionale, attrezzato si fa per dire con il “tatami” provvisto dalla nave, e cioè il pavimento del campo disegnato per i differenti sport.

Alle ore 8 shihan Roberto De Ronzi dirigeva un allenamento ginnico psicomotorio, didattica completa per gli agonisti di ju-jitsu, con esercizi tecnici sui fondamenti. Così dopo una corroborante e rivitalizzante colazione iniziavano le varie gite ed escursioni verso la costa francese a Marsiglia, particolare solo per il noto sapone di Marsiglia, acquistabile nei negozietti presso il porto antico.

Nel primo pomeriggio alle ore 15,30-18,30 si svolgeva il seminario di ju-jitsu con shihan Aleksandr Briuzgin referente Wjjf-Wjjko per la Russia, shihan Dirk Klok referente Wjjf-Wjjko per l’Olanda e Paesi Bassi e shihan Tamás Smaraglai referente Wjjf-Wjjko per l’Ungheria; in parallelo shike Gsb impartiva lezioni di base di Koden / ken-jutsu con i consueti e caratteristici boken: spade di legno.

 

Nel tardo pomeriggio alle ore 18-19:30 prendeva parte la prima riunione ufficiale per gli shihan mondiali, con le presentazioni delle candidature e proposte del nuovo team dirigenziale mondiale Wjjf-Wjjko. Alle 20,30 iniziava la folle cena “Pirati del Mediterraneo” dove tutti o quasi i partecipanti erano vestiti in maschera, in un’atmosfera divertente, amicale e rilassata; durante la cena venivano distribuiti i diplomi di partecipazione al 43° congresso Wjjf-Wjjko con un pratico porta chiavi in regalo.

Sulle coste catalane, ormeggiati nel porto della splendida Barcellona, Lunedì 29 aprile 2019 di nuovo alle ore 7,30 la giornata si apriva con un tonico risveglio muscolare sul mare con il “Pi kuan shu” sempre tenuto da shike Giacomo Spartaco Bertoletti; seguito da altri allenamenti tenuti da shihan Gilberto Pauciullo, presidente europeo Icmaf/Iwsf, shihan Gianfranco Camerini Wjj Italia e shihan Pekka Torri referente Wjjf-Wjjko per la Finlandia con tecniche interne; e così verso le 9,30 iniziavano gli sbarchi per la breve, ma intensa escursione verso “la Rambla”, viale di Barcellona lungo circa un chilometro e quattrocento metri che collega Plaça de Catalunya con il porto antico.

 

 

Nel primo pomeriggio alle ore 15,30-18,30 si svolgeva il seminario di ju-jitsu con shihan Tom Bellamy referente Wjjf-Wjjko per l’Australia, a seguire shihan Peter James Cooke Irlanda e il sottoscritto, shihan Lorenzo Milano con difese da prese e pugni con bloccaggi e leve articolari in piedi; in parallelo shike Gsb teneva lezioni di Koden / ken-jutsu.

Nel tardo pomeriggio alle ore 18-19 prendeva parte il 43°congresso  Wjjf-Wjjko per tutti, croceristi – chairman – kaicho – shihan – sensei – senpai dalle rispettive nazioni, con le presentazioni del nuovo organigramma mondiale, consegna diplomi grado – dan menjio, con l’emozionante consegna degli award di militanza con targhe/medaglie (5, 10, 20, 30, 40 anni) nella federazione mondiale Wjjf-Wjjko.

 

Tra i tantissimi e meritati riconoscimenti, vanno citate le nomine come direttore tecnico internazionale Wjjf-Wjjko per il chairman kaicho David Toney e di presidente internazionale Wjjf-Wjjko a shihan Dirk Klok fino al 2023; ci sono stati due importanti avanzamenti di dan menjio con  il neo 7° dan per Alexander Briuzgin responsabile per la Russia e il neo 8° dan per l’eccentrico Thomas John Bellamy responsabile per l’Australia. Alle 20,30 iniziava l’ufficiale cena di Gala in abito scuro con cravatta federale e/o da cerimonia, la festa per i quarantatre anni di vita della federazione Wjjf-Wjjko, che continuava nelle discoteche a bordo.

Un ringraziamento a tutto lo staff Wjjf-Wjjko Tatiana Bertoletti, Daniele Scala fotografo e cameraman sempre presente, Katia Bertoletti traduttrice simultanea onnipresente.

Shihan Lorenzo Milano

 

Per articolo completo PDF clicca qui

 

Congresso Wjjf/Wjjko

PalaPellicone/Centro olimpico Fijlkam

Ostia – Roma - 10-12 giugno 2016

 

“ICHI GO, ICHI E” every meeting is unique!!!

Rome from   10 to  12  June 2016
I lent the kangi  Shihan Keiko Wakabayashi, gave as a present to our great guest: Roland Maroteaux (France), George Popper (Hungary),  Pham Xuan Tong (Vietnam-France), Auvo Niiniketo (Finland), Istvan Kelemen Hungary, Rigan Machado (Brasil), Paul Hoglund (Sweden) during the  40° Congress of the  Wjjf/Wjjko 1976 and the Open of Italy at the Olympic centre - “PalaPellicone” Ostia Rome
If we use this phrase  “Rem tene, verba sequentur” by  Marco Porcio Catone (234 b.C. about  – 149 b.C.), after the words we need the facts, we can have an idea about was the  ju jitsu, with the support of the Fijlkam, headed by Dott. Domenico Falcone, by the  president of the t.c. jujitsu Master Giancarlo Bagnulo.
the success cannot stop our estimations about the path of the national and international
ju jitsu could do to become more incisive.

Let’s talk about numbers: on the  11 tatami more than  600 participants of the two organizations Fijlkam and Wjjf/Wjjko; 600 people. And, only adults not children. More than 350 athletes in the respective competitions; 50 master of the  28 Nations participating, beside Italy: Australia, Bulgaria, Brasil, Cuba, Finland, France, Germany, Japan, Uk , Greece Guatemala, Ireland, Israel, Kuwait, Netherland, Poland, Republic Czek, Romania, Russia, Spain, Sweden, Switzerand, Turkey, Hungary, Usa
Sponsor of this initiative which has touched our heart  for the social aim  Sammy Basso (HGPS) who suffers of the sindrome  Hutchinson-Gilford or “progeria” , the Doct. Marina Di Bussolo Pellicone, president of the  “Foundation Matteo Pellicone”
What to add? The spirit od the budo has to be to stay all together. We are growing but without words, hego ect.

We grow using the persona experience for all, as Rome proved.

Gsb, president, founder with  Soke Robert Clark (1946 – 2012) of the  Wjjf before ; Wjjko later and now Wjjf/Wjjko 1976” since  1 January  2017,  honorary president, has put together

-       3 chairman: Amir Barnea (Israel), Stefano Draghi (Italy), David Toney (Ireland)
- 5 vice chairman: Bruce Bethers (Usa) Nord America; Josef Oberhollenzer (Germany) Europe; Peter Pace (Australia) Australasia; Hesham Saleh Aljaser (Kuwait) Asian and Arab Country; Kozo Kuniba (Giappone) Far East.
the technical commission will follow.

-       we would like to plaudit for the job done Shihan Cesare Livio Proia, for the competition who will be one of our permanent member about the competition.

Thanks to  the organization  team Bertoletti headed by  Natascia president Wjjf/Italy and general secretary - Tatiana, Katia – and by the  Vice president Wjjf/Italy Stefano Draghi: Giorgia Milano, Marisa Riccio, Andrea Bove, Mirko Di Cristofaro, Daniele Scala, Giuliano Garbuio, Augusto Falconi

To conclude least but not   last: a special thanks to  Shihan Giancarlo Koliotassis (Ko ryu Kaizen) for his sensibility of a touch  “tocco di nettare di Bacco”.
And to our always sponsor the Oriente Sport of Enos Casarini & C.

 

 

“ICHI GO, ICHI E” Ogni incontro è unico!
Roma dal 10 al 12 giugno 2016
Ho preso in prestito i kangi che la Shihan Keiko Wakabayashi, ha voluto omaggiare ai nostri ospiti di alto rango: Roland Maroteaux (Francia), George Popper (Ungheria), Pham Xuan Tong (Vietnam-Francia), Auvo Niiniketo (Finlandia), Istvan Kelemen (Ungheria), Rigan Machado (Brasile), Paul Hoglund (Svezia) durante il 40° Congresso della Wjjf/Wjjko 1976 e l’Open d’Italia, al Centro Olimpico - “PalaPellicone” di Ostia Roma
Se prendiamo la frase latina “Rem tene, verba sequentur” di Marco Porcio Catone (234 a.C. circa – 149 a.C.), le parole devono essere seguite dai fatti, si ha un’idea di ciò che è stato il ju jitsu, con la valente professionale collaborazione con la Fijlkam, presieduta dal Dott. Domenico Falcone, tramite il presidente del c.t. jujitsu M° Giancarlo Bagnulo.
Il successo non deve appannare le nostre valutazioni sul percorso che il ju jitsu nazionale e internazionale deve compiere per diventare più incisivo.
Parliamo dei numeri: sugli 11 tatami oltre 600 partecipanti delle due organizzazioni Fijlkam e Wjjf/Wjjko; 600 persone Attenzione, solo adulti non i bambini. Oltre 350 atleti nelle rispettive competizioni; 50 docenti di 28 nazioni presenti, più l’Italia: Australia, Bulgaria, Brasile, Cuba, Finlandia, Francia, Germania, Giappone, Gran Bretagna, Grecia, Guatemala, Irlanda, Israele, Kuwait, Olanda, Polonia, Repubblica Ceka, Romania, Russia, Spagna, Svezia, Svizzera,. Turchia, Ungheria, Usa
Madrina di questa iniziativa, che ha commosso per il risvolto sociale rivolto a Sammy Basso (HGPS) colpito dalla sindrome di Hutchinson-Gilford o “progeria” la Sig.ra, Dott. Marina Di Bussolo Pellicone, presidente della “Fondazione Matteo Pellicone”
Cosa aggiungere? Lo spirito del budo deve essere quello di stare assieme nella differenza. Si cresce non con le chiacchiere, le megalomanie e l’egocentrismo.
Si cresce mettendo le proprie esperienze a disposizione di tutti, come Roma ha dimostrato.
Gsb, presidente, fondatore con Soke Robert Clark (1946 – 2012) della Wjjf prima; Wjjko poi ed ora “Wjjf/Wjjko 1976” dal 1 gennaio 2017, presidente onorario, ha cooptato i futuri vertici federali:
- 3 chairman: Amir Barnea (Israele), Stefano Draghi (Italia), David Toney (Irlanda)
- 5 vice chairman: Bruce Bethers (Usa) Nord America; Josef Oberhollenzer (Germania) Europa; Peter Pace (Australia) Australasia; Hesham Saleh Aljaser (Kuwait) Asian and Arab Country; Kozo Kuniba (Giappone) Far East Oriente.
Le commissioni tecniche seguiranno a parte.
Possiamo aggiungere un particolare plauso per il lavoro svolto, per la parte agonistica di Shihan Cesare Livio Proia, che sarà uno dei nostri membri permanenti nella commissione sport/gare.
Al team organizzativo Bertoletti guidato da Natascia presidente Wjjf/Italy e Segretario generale - Tatiana, Katia - e dal Vice presidente Wjjf/Italy Stefano Draghi: Giorgia Milano, Marisa Riccio, Andrea Bove, Mirko Di Cristofaro, Daniele Scala, Giuliano Garbuio, Augusto Falconi, a cui va il plauso di tutti.
Infine: list not last: un particolare ringraziamento a Shihan Giancarlo Koliotassis (Ko ryu Kaizen) per la sensibilità di un “tocco di nettare di Bacco”.
E lo sponsor di sempre l’Oriente Sport di Enos Casarini & C.

  

 

 

 

 

-------------------------------------------------------------

 

Addio a un amico

E' con tristezza che dobbiamo informarvi che il nostro Sensei, Robert Clark, è morto serenamente l'8 febbraio 2012.

Sono sicuro che questo è uno shock per molti di voi, che l'hanno conosciuto e hanno speso molti anni ad allenarsi con lui.

Robert Clark

9° dan di ju jitsu. Uomo carismatico e capo tecnico della Wjjf. Nato a Liverpool il 2/02/46 iniziò a praticare le arti marziali quando aveva 6 anni. Il suo maestro fu Jack Britton (allievo di Kawaichi).
A lui dobbiamo il reale sviluppo del ju jitsu in tutto il Mondo e la promozione delle vecchie scuole attraverso metodi moderni.
Attualmente era direttore tecnico internazionale della Wjjko, organizzazione creata per unificare tutti gli stili di ju jitsu.
Era
anche stato nominato il 3/05/08 Cavaliere dell’ordine dell’aquila romana.

 

 

 

 

 

HQ Wjjko/Wjjf

Wjjf/Wjjko member of Wjj Confederation, recognized by Tafisa (IOC) 25 October 2013

Via Sismondi 22 - 20133 Milano Italy

Tel.  0039 335220954 - 0039 02 97162878   -  Fax 0039 02 89879982
sito: www.publicationspromotion.it
e-mail: wjjko@publicationspromotion.it

 

 

 

 

 

I

 (per scaricare i moduli atleti clicca qui, per scaricare i moduli società clicca qui)

 

Ire necesse est "muoversi è necessario"

Può essere una traduzione di un latino vulgaris, ire= viaggiare da noi utilizzato per dire muoversi.

E’ si abbiamo dovuto risposare la nostra redazione di “Samurai”, Sportivo, sede (head quarter) della Wjjko, Wasi, eccetera

Noi chiederci, sui due piedi, del perché ma ora per almeno un decennio saremo:

via Sismondi 22

20133 Milano

Per contattarci tel 0297162878, fax 0289879982, mail wjjko@publicationspromotion.it

3331164742 Natascia

335220954 GSB

E che sia la volta buona!

Sportivi saluti

 

Da tenere in nota

A tutti i direttore tecnici: per le affiliazioni si prega di compilare i moduli allegati in tutte le sue parte e inviarle tramite mail. Non si accetteranno iscrizioni incomplete o scritte a mano. Si prega di utilizzare i file word allegati.

 

Per le attività federali il calendario sempre aggiornato sul sito clicca qui Mandateci le informazioni delle vostre attività in modo da poterle inserire in tempo reale sul sito.

 

Per il catalogo e prodotti linea ufficiale WJJKO (clicca qui) si ricorda che tutti gli allievi iscritti alla Wjjko devono avere gi ufficiale corredato dagli stemma.

 

Si prega di promuovere presso gli allievi/praticati l’abbonamento alla rivista Samurai (per abbonarsi: clicca qui ) ogni 10 abbonamenti uno spazio pubblicitario gratuito su Samurai.

Saluti

Bertoletti Natascia

 

                    

 

 

Cos'è la WJJKO

 

 

 

 

 

  Rappresenta il culmine di 30 anni di esperienza nel ju jitsu e arti marziali in generale.
Tre decenni di studio, sviluppo e perfezionamento sia nell'apprendimento  delle tecniche di ju jitsu sia nei metodi di insegnamento.

La WJJKO / WJJF è stata fondata nel 1976 a Liverpool e il suo presidente é Giacomo Spartaco Bertoletti, mentre il direttore tecnico internazionale è Robert Clark (Inghilterra). In questo momento ha più di 20 paesi affiliati che coprono i 5 continenti. La WJJKO/WJJF è completamente dedita all'arte del ju jitsu, al suo sviluppo tecnico e all'insegnamento a chiunque voglia imparalo. Non ci sono eccezioni a questi impegni! Dai bambini e ragazzi, a quelli un po' più vecchi, ai disabili, la WJJKO/WJJF apre le porte a tutti.

Che vogliate migliorare le vostre capacità marziali, sia che cerchiate un ottimo quanto efficace sistema di autodifesa, o che vogliate accrescere l'autoconsapevolezza e la fiducia in voi stessi, la WJJKO incontra le vostre esigenze.

La licenza WJJKO/WJJF  include una preziosa assicurazione che non solo vi tutela per danni arrecati ad un altro allievo, ma copre anche  eventuali incidenti  in cui potete incorrere e vi compensa per il periodo di convalescenza     

E quindi importante che manteniate aggiornata la vostra iscrizione e che consegnate i moduli per il rinnovo prima della scadenza dell'iscrizione. Questa licenza viene consegnata con un "Budopass" dove saranno  registrati i vostri progressi e anche se non vi verrà consegnato subito non preoccupatevi  per l'assicurazione, perché al pagamento dell'iscrizione il vostro istruttore notificherà il vostro nome alla WJJKO/WJJF HQ e quindi sarete coperti.

Un consiglio: non aspettate a pagare l'iscrizione, fatelo non appena cominciate ad allenarvi perché l'incidenti hanno la probabilità di succedere.

Nel ambito della didattica, esiste tutta una serie di libri e video per principianti ed avanzati, con i programmi base per i passaggi di kyu e dan.

La WJJKO/WJJF organizza corsi annuali di preparazione, con personalità di un grande valore nel campo  per dare la possibilità a tutti di approfondire  l'arte del ju jitsu, che vengono aggiornate tramite circolare mandate a tutti gli associati Wjjko.

Ogni anno viene organizzato un Congresso Internazionale WJJKO.

Quest'anno il  Congresso Internazionale Wjjko / Wjjf si è tenuto in Israele (19-23 maggio 2011) .

Per ulteriori informazioni contattare:

Quartiere Generale WJJKO / WJJF

Via Sismondi 22 20133 Milano , tel 0297162878, fax 0289879982,e-mail:wjjko@publicationspromotion.it

 

 

 

 

Il Ju Jitsu

“L’Arte della Cedevolezza”

 

 

 

 

Ju Jitsu è un'espressione  giapponese che significa "arte della cedevolezza".

Questo termine insolito nasce dal fatto che nelle tecniche classiche di ju jitsu invece di respingere l'avversario, contrapponendo la vostra forza alla sua, vi conformate ad esso attirandolo verso di voi. Ciò significa che per vincerlo no dovrete fare assegnamento su una forza superiore. Nel ju jitsu colpi e calci vengono usati per deviare l'avversario, le spinte servono per sbilanciarlo, le parate per immobilizzarlo, e le prese per tenerlo sotto controllo sfruttando il sistema delle leve alle giunture. Il ju jitsu insegna le contro - mosse alle varie tecniche di attacco, cosi da fornire mezzi efficaci per parare pugni e calci, evitare di essere proiettati e sfuggire alle prese dell'avversario.
Le origini del ju jitsu risalgono alla notte dei tempi e, nonostante non ci siano tracce ben definite della sua evoluzione, ne troviamo applicazioni in praticamente tutte le arti marziali giapponesi.

Il ju jitsu non è associato solo alle arti marziali giapponesi. Sappiamo, ad esempio, che alcune tecniche di ju jitsu vengono dalla Cina: come la storia insegna, il boxer Chin Gempin dello Shaolin del sud insegnava le tecniche di Kung Fu ai guerrieri giapponesi. Alcune delle tecniche di attacco  insegnate erano ciò che in seguito fu chiamato KEMPO e ancora oggi, questo termine è spesso affiancato alla pratica del ju jitsu.

Nonostante abbia origini cosi antiche, il ju jitsu continua a vivere e ad evolvere ai giorni nostri, si è adattato alle nuove esigenze affrontando prove sempre nuove col cambiare dei tempi e della società.

Il ju jitsu insegnato al interno della WJJKO trova fondamento nell'intero mondo marziale: dall'uso delle armi classiche, ai moderni ed efficaci sistemi di difesa personale . Quindi, che siate interessati ad una disciplina antica o, piuttosto a qualcosa che sia adatto ai giorni nostri, il ju jitsu può rispondere alle vostre esigenze.

Nessun altra arte marziale offre un cosi ampio raggio di tecniche e applicazioni.

Comunque, la via verso la perfezione nel ju jitsu è lunga, difficile e richiede un notevole impegno, e del corpo e della mente, da parte dell'allievo. Attraverso l'allenamento è possibile raggiungere una buona preparazione fisica, ma quella mentale è molto più difficile  da sviluppare.

 

Per i  moduli di affiliazione: atleti clicca qui, società clicca qui